Home » Recensioni Cd e Vinili » I migliori album dei System of a Down

I migliori album dei System of a Down

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

I System of a down, una band di  origini Armene

System of a Down è il nome di una band rock metal, talvolta abbreviato con l’acronimo SOAD, formata da musicisti Armeno-Americani, che si è formata nel 1994, a Glendale in California.

Serj Tankian e Daron Malakian, che ancora oggi sono parte del gruppo, pur frequentando la scuola Armena di Rose e Alex Pilibos, (conosciuta in origine come la scuola armena di Hollywood, in cui si insegnava la lingua armena, e anche la storia e la religione erano insegnate in armeno, mentre il resto era tenuto in inglese) si conobbero solo otto anni dopo, nello stesso studio in cui stavano lavorando su progetti diversi.

Decisero di fondare una band dal nome Soil, a cui si aggiunse presto Dave Hakopyan al basso e Domingo “Dingo” Laranjo alla batteria.

La scelta del nome

Odadjian, un altro alunno della scuola di Rose e Alex Pilibos si aggiunse alla band, dapprima come manager e in seguito come chitarrista, ma nel 1994, dopo un’esibizione dal vivo e una jam session recording (una jam session è una riunione di musicisti che si incontrano per una performance musicale senza nulla di preconfezionato, improvvisando su accordi e temi conosciuti) Hakopyan e Laranio lasciano la band pensando che non avrebbero mai avuto successo.

Dopo la separazione Tankian, Odadjian, e Malakian cambiano il nome della band in System of a Down, ispirandosi ad un poema che aveva scritto Malakjan, “Victims of a Down“, cambiando la parola “victims” in “system” per due motivi: il primo è perché Odadjian pensava che la parola system avrebbe avuto un appeal maggiore sui fans rispetto alla parola “victims”, la seconda è perché così i loro dischi sarebbero stati catalogati vicino a quelli dei loro idoli musicale, Slayer.

La rock band è attualmente composta da quattro musicisti, e in particolare da Serj Tankian, voce del gruppo nonché tastiera, Daron Malakian, seconda voce e chitarra, Shavo Odadjan al basso e voce aggiunta, e John Dolamyan alla batteria.

Singoli System of a down

Il successo

I System of a Down hanno conosciuto il successo immediatamente all’uscita del loro primo album, seguito immediatamente da altri quattro LPs, di cui tre hanno ricoperto la prima posizione nella classifica dei duecento album musicali più popolari negli Stati Uniti pubblicata sul settimanale Billboard.

I System of a Down hanno ottenuto per ben quattro volte la nomination ai Grammy Award e la loro canzone “B.Y.O.B.” ha vinto il titolo di migliore canzone Hard Rock del 2006. I System of a Down hanno all’attivo più di 40 milioni di copie di dischi venduti nel mondo.

Gli Album della discografia

L’ingresso nel mondo discografico

I primi anni della carriera dei System of a Down passano tra esibizioni nei locali di Los Angeles e la registrazione di alcuni nastri demo, alcuni dei quali furono resi pubblici solo dopo il loro acclamato successo.

È durante una di queste performance che vengono notati dal famoso produttore discografico Rick Rubin, per cui i SOAD registrano il loro nastro demo numero 4, che gli valse la firma di un contratto con la sua casa discografica American/Columbia Records.

I System of a Down cominciano così a registrare negli studi di Rubin le prime tracce delle canzone che furono inserite nel loro album di debutto.

Cofanetto System of a Down

Se ami i SOAD non puoi perderti questo fantastico cofanetto che contiene tutti e 5 gli album della band armena.

System Of A Down Album Bundle [5 CD]
Cofanetto da collezione con i 5 cd della discografia dei System of a Down. Non può mancare nella tua raccolta!

Il primo album, col loro stesso nome

Il loro primo albumSystem of a Down” pubblicato nel 1999, ha un discreto successo, soprattutto perché due singoli, “Sugar” e “Spider”, sono particolarmente apprezzati dalle radio, che li passano spesso, e i rispettivi video sono tra i più visti su MTV.

Il motivo dominante dell’album è la denuncia nei confronti del potere precostituito che cerca sempre o un nuovo nemico per dominare il mondo (dal singolo War: “We first fought the heathens in the name of religion, then Communism and now in the name of drugs and terrorism. Our excuses for global domination always change“) o un nuovo modo per farlo (dal singolo MindMind control technology has been used by the CIA since the 1950s as part of their non-lethal, covert weapons program.“).

System Of A Down
Il primo cd dei System of a Down a un prezzo davvero speciale!

Il secondo album, Toxicity

La consacrazione dei SOAD al successo arriva col loro secondo album, Toxicity, che appena uscito va ad occupare la prima posizione delle classifiche musicali negli States e in Canada, il 4 settembre del 2001, vendendo più di 12 milioni di copie nel mondo. Memorabili i single estratti da questo album che entrarono tutti nel Billboard Hot 100 , in particolare:

  • Aerials, si piazza al primo posto sia nella classifica di Mainstream Rock Songs che in quella di Modern Rock Tracks;
  • Toxicity che ottiene una nomination ai Grammy Awards e viene inserita, da VH1 nel 2006, alla posizione numero 14 delle migliori canzoni metal di sempre;
  • Chop Suey, che, nonostante il veto che ne impedì il passaggio alle radio, a causa dei suoi contenuti politicamente scorretti alla luce degli attacchi dell’11 settembre, continua ad essere trasmessa su MTV e ottiene una nomination ai Grammy.

La musica di Toxicity spazia dall’alternative metal, al nu metal, comprendendo elementi di folk, musica balcanica e musica orientale, risultando più armonica della musica del primo album, e mescolando sapientemente il suono delle chitarre con quello della batteria, per addolcire le parti più heavy.

Toxicity
Il secondo disco dei System of a Down che ha consacrato il loro successo per il grande pubblico.

Il terzo, Steal this Album

Sul finire del 2001, alcune registrazioni inedite ed incompiute dell’album Toxicity finiscono su internet e sono raccolte dai fans in un album abusivo, battezzato dagli stessi come Toxicity II.

La band dichiara allora che si trattava di tracce incomplete e provvisorie e rilascia le versioni definitive e completate delle tracce rapinate su internet nel loro nuovo album, dal titolo “Steal This Album!” che viene pubblicato a Novembre del 2002.

Il nome dell’album si ispira sia al libro di Abbie Hoffman “Steal This Book “ sia al fatto che le canzone dell’album erano finite illegalmente su Internet senza il consenso della band.

L’album non fu accolto bene dalla critica, che spesso affermava che “Steal This Album” non era altro che una raccolta di “lati B” e di scarti di altri Album; la band insisteva però nel dire che la qualità era la stessa degli altri album e che, per il batterista John Dolmayan, l’album era addirittura il suo favorito tra gli album dei SOAD.

Comunque “Steal this Album” rimane l’unico, tra gli album dei System of a Down a non aver dato vita a dei singoli, anche se sono stati distribuiti, per una campagna promozionale, i singoli di “innervision” e “boom“. Questo ultimo singolo era anche accompagnato da un video musicale che proponeva le dimostrazioni di protesta svoltasi il 15 febbraio 2003 contro la campagna in Ir.

Offerta
Steal This Album
Il terzo album della band armena.

Il quarto e quinto. Un doppio album: Mezmerize e Hypnotize

Tra il 2004 e il 2005 la band registra un doppio Album, i cui LP vengono però rilasciati a sei mesi di distanza l’uno dall’altro.

Il primo album, Mezmerize, esce a maggio ed è accolto favorevolmente dalla critica e si piazza immediatamente al top delle classifiche in USA, Canada e Australia, e in altri paesi; il singolo B.Y.O.B vince i Grammy Award.

Il secondo album della doppia produzione, Hypnotize, esce a novembre e anch’esso si piazza subito ai primi posti delle classifiche internazionali, ponendo i SOAD allo stesso livello di pochi altri artisti che hanno prodotto due album, usciti nello stesso anno, piazzatisi in vetta alle classifiche musicali.

Il pezzo “lonely day” diventa subito un memorabile successo, ricevendo una candidatura ai Grammy Award del 2007 nella categoria “migliori interpretazioni hard rock“.

Caratteristica di questo doppio album è che, mentre negli album precedenti Tankian aveva un ruolo importante sia come scrittore dei testi che come cantante, in questo album il ruolo predominante, sia come scrittore che come cantante, è ricoperto da Malakjan, lasciando un ruolo solo marginale a Tankian.

Mezmerize
In questo album di grande successo è contenuta la famosa B.Y.O.B. vincitrice dei Grammy Awards
Hypnotize
Ultimo album prima dello scioglimento della band.

La separazione e la carriera da solista di Serj Tankian

Probabilmente, a causa dell’ambizione di Serj Tankian di provare la carriera da solista, i System of a Down a maggio del 2006 si separano, o meglio decidono di prendersi una pausa di qualche anno.

Qualche mese dopo infatti Tankian dichiara che voleva fare un album da solista ma non ne aveva mai avuto il tempo. Nel 2007 pubblica il suo album Elect Dead, seguito nel 2010 da Imperfect Harmonies, poi Harakiri nel 2012 e Orca Symphony No. 1 nel 2013.

Elect the Dead
  • Serj Tankian, Elect the Dead
  • Warner Bros
  • Audio CD
Imperfect Harmonies
  • CD
  • Serj Tankian, Imperfect Harmonies
  • Warner Bros
  • Audio CD
Harakiri
  • TANKIAN SERJ
  • R&P INTERNACIONAL
  • INTERNATIONAL
  • MUSIC
  • Serj Tankian, Harakiri

Il ritorno?

È da tempo che circolano voci circa un presunto ritorno dei System of a Down, avvalorate anche dagli stessi artisti, che hanno rilasciato diverse sibilline affermazioni sui social network. Così come insistenti sono le voci di pubblicazione di un nuovo album.

Difatti si è appena concluso il loro ultimo tour, passato anche in Italia, dove si sono esibiti al Firenze Rocks, in cui ripercorrono le canzoni dei loro album.

Considerati i precedenti e le incredibili musiche che ci hanno regalato e l’alto livello dei testi, sempre molto profondi, impegnati e mai banali, il fatto che possano tornare ed esibirsi ancora una volta, almeno, è qualcosa che tutti si augurano.

Aspettiamo i System of a Down e il loro prossimo, grande successo.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 2 Media: 5]